Non Garantisco

Interviste / Tatiana Barone

Tatiana Barone

Ammettilo: quante speranze avevi, in cuor tuo, di essere intervistata un giorno?


Diciamo che avendo fatto la giornalista ogni tanto mi è capitato di chiedermi se ci sarei mai stata io nei panni dell'intervistata.


Potrei chiederti chi è Tatiana Barone, come tradizione vuole...e infatti lo farò. Ma se preferisci dirmi chi non sei, va benissimo allo stesso modo.


Di solito quando in questi odiati/amati social network chiedono una bio, mi ritrovo sempre a citare una frase di "Colazione da Tiffany": 'E' una matta autentica. E sai perché? Perché Holly è convinta di tutte le idiozie che afferma. Intendiamoci, a me è simpatica da morire, su questo non c'è alcun dubbio, ma io ho un'anima da artista, ecco, e se non sei un artista non la puoi apprezzare, perché è un fatto di...fantasia, mi sono spiegato?' Credo fondamentalmente di essere così, abbastanza strana come persona e proprio per questo non sono mai circondata da un gran numero di persone, perché a capirmi sono davvero pochi. Ma a me va bene così.


Colgo la palla al balzo: mi interessa la tua apparente dimestichezza col mondo virtuale. Ma davvero credi che sia la rovina della vita vera, come molti affermano, o qualcosa la si può salvare?


Beh lungi da me criticare i social network, visto che ci lavoro! Quello che mi preoccupa è il "Se non c'è sul social non esiste", il "Se non ci sono testimonianze su Facebook, non l'hai fatto."


Ti è mai capitato che si rivolgessero a te persone prese di mira dai social? Insomma, parliamo di piattaforme con una potenzialità devastante: dalla creazione di una star all'induzione al suicidio il passo può essere molto breve.


Diciamo di sì, delle mie amiche si son rivolte a me per aiutarle in determinate cose, ma niente di così grave fortunatamente.


Hai detto che sei una giornalista. Non avendo tu superato gli 80 anni, sei una specie di miracolo laico o cosa?


Sono una giornalista per modo di dire. Dopo essermi fatta un mazzetto per anni, causa burocrazia e cavilli idioti, nonché i soliti pagamenti mai ricevuti, non ho mai preso il tesserino. E lavoravo per il gruppo Espresso, non per il giornalino della parrocchia.


Lo sai che dopo aver sparato un nome così io già prevedo il terremoto che seguirà?


Cancellalo pure, se vuoi.


Macché! Io speravo che tu potessi approfondire!


Diciamo che gli editori del giornale per cui lavoraro non erano così pronti per il pagamento. Alcuni miei colleghi sono anche stati licenziati per aver chiesto il dovuto. Non essendo stata pagata regolarmente, non posso presentare la richiesta per ricevere il tesserino.


...e pensare che ci dissero di essere choosy...


Mai stata. Lavoro da quando ho 21 anni e non mi hanno praticamente mai pagata. La famosa gavetta di una volta.


C'è stato un settore in cui ti sei specializzata nel corso degli anni, o hai scritto per più ambiti?


I miei settori erano principalmente politica e cultura.


Andiamo a nozze, lo sai, vero?


Sì, lo immaginavo.


Fai conto che ci sia un'aula piena di fronte a te; hai un microfono, hai il tempo che desideri. Ce la scatti una fotografia dello stato di salute della politica o è chiedere troppo e ti spingerei al suicidio?


Diciamo che sto con un piede nel baratro e uno sulla terra, dai. Prima ero molto appassionata di politica. Dopo la corazzata Potemkin Pd-Pdl l'interesse è caduto, insieme alle mie braccia. Non sono "passata" al M5S perché non mi piace la logica del 'chi urla di più senza contenuti', lì è capace chiunque. Voto SEL perché credo che Vendola sia l'unico capace di migliorare qualcosa. Non so se voterò l'8 Dicembre per le primarie del Pd, se dovessi farlo sarebbe solo per bloccare Renzi. Un altro pseudo-Berlusconi non ci serve.


Di Vendola si è parlato molto, a proposito dell'Ilva...e non benissimo.


Sì, io ho tanti amici di Taranto e posso comprendere che sia una situazione abbastanza complicata. Ma io vengo da una regione talmente tanto disastrata che uno come Vendola sarebbe visto come un Dio, anche se non risolve il problema dell'Ilva immediatamente. Anche perché obiettivamente: come si fa a risolverlo subito?


Provi a spiegarmi, perché sinceramente lo sento dire spesso senza per questo essermi fatto un'idea, del perché Renzi sia da vedere così negativamente?


Ti basterebbe leggere qualche suo twitter per farti un'idea. L'altro giorno ha twittato contro "i magistrati che sbagliano". Chi ti ricorda?


Uno che hanno fatto fuori troppo tardi e non del tutto.


Menomale che Andreotti...vabbè, non si parla male dei morti.


Ma un paese come l'Italia, sinceramente, lo guideresti mai?


Non potrei guidare l'Inghilterra? Là c'è Elisabetta che è tanto simpatica. Qui c'è la Santanchè.


Insomma nessuna ricetta.


Ce ne sarebbero di cose da fare, in realtà.


Sparane due. Ed entrambe fattibili, che il difficile sta in questo.


Imu alla Chiesa Cattolica e controlli serrati contro gli evasori fiscali.


Se ti scomunicano, trovi il modo di allargare il provvedimento anche su di me?


Io non sono cattolica. Cioè, ancora lo sono ufficialmente, ma non dentro di me che è la cosa più importante. Per me le regole della Chiesa Cattolica non valgono. Anche se Francesco, lo ammetto, è solo da applaudire.


Son stati bravi, eh? Una mirabile azione di marketing sopraffino.


Dici? Non saremo troppo cinici?


Ai cinici pare che non voglia bene nessuno. Stanno antipatici anche ai cattivi.


La mia famiglia mi vuole bene.


Avviandoci alla conclusione, prima che mi accusino di sequestro di persona, hai una domanda alla quale vuoi rispondere da tempo? Ora puoi.


"Perché non lasci perdere?" Perché le più grandi sconfitte, in qualsiasi campo, sono partite da persone che hanno lasciato perdere.


Hai a disposizione una telefonata con Obama.


Invadici.


Tatiana cos'è che non garantisce?


Di essere sempre ordinata (scusa, mamma) e di essere sempre calma e tranquilla. Non ci riesco. Ho il vaffanculo facile.

Grafica by DursoGrafica
Visite: 61076 - Pagine viste: 188505

Facebook Youtube NonGarantisco.it di Luca Casamassima
Privacy | Note legali